i tuoi programmi TV in streaming live

nuovi servizi e tecnologie avanzate a tua disposizione

HOME PAGE
IN SETTIMANA
ARCHIVIO TV
SERVIZI
MAGAZINE
CHI SIAMO

HOME PAGE

IN SETTIMANA

ARCHIVIO TV

SERVIZI

MAGAZINE

CHI SIAMO


H.266, futuro della codifica video

Con l'H266 potremo risparmiare memorie e banda

Il Fraunhofer Institute, leader mondiale nello sviluppo di reti di comunicazione mobili e fisse e sistemi multimediali, ha annunciato un nuovo standard di codec video che promette di realizzare 50% di efficienza in più nella compressione video. VVC, Versatile Video Coding, il nuovo H.266, ha l'obiettivo di gestire formati video pesanti (il 16K ! ), aumentando di molto la compressione.

Come ha detto Marta Karczewicz, Vice President of Technology di Qualcomm Technologies: "Entro il 2022, l’82% del traffico internet sarà video. Nel nostro mondo connesso fatto di Netflix, chiamate Zoom e condivisione video, la compressione video è una tecnologia molto importante utilizzata pesantemente in tutto il mondo". La Karczewicz è candidata al riconoscimento alla carriera dell'European Inventor Award per il lavoro svolto nel campo della codifica video.

Le migliorie rispetto all'H265 (High Efficiency Video Coding), approvato nel 2013 saranno notevoli, con importante risparmio di memorie e di banda pur mantenendo la stessa qualità dei video.

H.266 è progettato per essere un successore dei formati H.264 (Advanced Video Coding - AVC) e H.265 (HEVC) che oggi coprono il 90% della trasmissione e compressione video digitale sul mercato globale. HEVC è stato lanciato nel 2013, ma non si è mai diffuso a causa delle controversie sui brevetti dei partecipanti allo sviluppo. Così, AVCè ancora lo standard più diffuso, nonostante sia stato lanciato nel 2003.

Poichè l'uso principale è previsto nella TV digitale, Apple, Sony e altre società - stanno attualmente lavorando a un progetto di chip che supporti VVC a livello hardware.

CHIUDI PAGINA

H.266, futuro della codifica video

Con l'H266 potremo risparmiare memorie e banda

Il Fraunhofer Institute, leader mondiale nello sviluppo di reti di comunicazione mobili e fisse e sistemi multimediali, ha annunciato un nuovo standard di codec video che promette di realizzare 50% di efficienza in più nella compressione video. VVC, Versatile Video Coding, il nuovo H.266, ha l'obiettivo di gestire formati video pesanti (il 16K ! ), aumentando di molto la compressione.

Come ha detto Marta Karczewicz, Vice President of Technology di Qualcomm Technologies: "Entro il 2022, l’82% del traffico internet sarà video. Nel nostro mondo connesso fatto di Netflix, chiamate Zoom e condivisione video, la compressione video è una tecnologia molto importante utilizzata pesantemente in tutto il mondo". La Karczewicz è candidata al riconoscimento alla carriera dell'European Inventor Award per il lavoro svolto nel campo della codifica video.

Le migliorie rispetto all'H265 (High Efficiency Video Coding), approvato nel 2013 saranno notevoli, con importante risparmio di memorie e di banda pur mantenendo la stessa qualità dei video.

H.266 è progettato per essere un successore dei formati H.264 (Advanced Video Coding - AVC) e H.265 (HEVC) che oggi coprono il 90% della trasmissione e compressione video digitale sul mercato globale. HEVC è stato lanciato nel 2013, ma non si è mai diffuso a causa delle controversie sui brevetti dei partecipanti allo sviluppo. Così, AVCè ancora lo standard più diffuso, nonostante sia stato lanciato nel 2003.

Poichè l'uso principale è previsto nella TV digitale, Apple, Sony e altre società - stanno attualmente lavorando a un progetto di chip che supporti VVC a livello hardware.

CHIUDI PAGINA

H.266, futuro della codifica video

Con l'H266 potremo risparmiare memorie e banda

Il Fraunhofer Institute, leader mondiale nello sviluppo di reti di comunicazione mobili e fisse e sistemi multimediali, ha annunciato un nuovo standard di codec video che promette di realizzare 50% di efficienza in più nella compressione video. VVC, Versatile Video Coding, il nuovo H.266, ha l'obiettivo di gestire formati video pesanti (il 16K ! ), aumentando di molto la compressione.

Come ha detto Marta Karczewicz, Vice President of Technology di Qualcomm Technologies: "Entro il 2022, l’82% del traffico internet sarà video. Nel nostro mondo connesso fatto di Netflix, chiamate Zoom e condivisione video, la compressione video è una tecnologia molto importante utilizzata pesantemente in tutto il mondo". La Karczewicz è candidata al riconoscimento alla carriera dell'European Inventor Award per il lavoro svolto nel campo della codifica video.

Le migliorie rispetto all'H265 (High Efficiency Video Coding), approvato nel 2013 saranno notevoli, con importante risparmio di memorie e di banda pur mantenendo la stessa qualità dei video.

H.266 è progettato per essere un successore dei formati H.264 (Advanced Video Coding - AVC) e H.265 (HEVC) che oggi coprono il 90% della trasmissione e compressione video digitale sul mercato globale. HEVC è stato lanciato nel 2013, ma non si è mai diffuso a causa delle controversie sui brevetti dei partecipanti allo sviluppo. Così, AVCè ancora lo standard più diffuso, nonostante sia stato lanciato nel 2003.

Poichè l'uso principale è previsto nella TV digitale, Apple, Sony e altre società - stanno attualmente lavorando a un progetto di chip che supporti VVC a livello hardware.

CHIUDI PAGINA

 PAGINE [ più recente: 2 ] [ archivio: 1 - ]
Powered by MMS vers. 2.4 - © 2020 EUROTEAM